La R-esistenza delle donne

 

La resistenza delle donne
non si è mai conclusa. C’è stata quella partigiana, di donne splendide
e libere che si sono opposte ai nazisti. C’è sempre stata la
R-esistenza per guadagnarsi il diritto a vivere e respirare e ancora
siamo lì a r-esistere senza poter mollare un attimo. Senza poter
riposare, lasciare tutto al caso, immaginare che il buon senso abbia
finalmente la meglio.


Lo vediamo

in questi giorni in cui le donne devono resistere alle aggressioni
psicologiche e morali. Ci chiamano assassine, ci vogliono ammazzare, ci
vogliono recintare, rinchiudere, immobilizzare. Resistiamo ai ricatti,
ai giochi di potere, alle sceneggiate da talk show in cui nessuno
considera che noi siamo, esistiamo, viviamo e respiriamo, come esseri
umani, aventi diritto al rispetto, alla considerazione, alla cura.

Resistiamo
alle molestie, agli stupri, alle violenze domestiche, ai ricatti, agli
attacchi sulla stampa, alla propaganda d’odio contro le donne.
Resistiamo a chi vuole rinchiuderci dentro un lager se non apparteniamo
al mondo "ricco", a chi vuole strapparci il velo dalla testa per
imporci un’altra cultura, a chi vuole rivestirci per moralizzare i
costumi. Resistiamo a chi ci impedisce di decidere, scegliere, vivere e
lavorare.

A chi ci picchia
dentro e fuori casa. A chi non ci offre il diritto allo studio e alla
casa. A chi ci offre soltanto un lavoro in nero che ci può portare alla
morte. A chi decide che la nostra vita vale meno di un soldo bucato
perchè di donne ne muoiono tante per mano dei maschi, sui posti di
lavoro, perchè abbandonate e criminalizzate da tutti.


Il 25 aprile

lo vorremmo celebrare a modo nostro per ricordare la resistenza delle
donne che furono e di quelle che sono ancora. Delle donne che sfidano
le divise per aiutare le sorelle straniere, di quelle che scendono in
piazza e prendono legnate dai fascisti. Di quelle che urlano la loro
esistenza quando qualcuno vuole abusare del loro territorio. Di quelle
che difendono la loro casa, la loro vita, i loro figli, i loro compagni
e le loro compagne. Di quelle che resistono per ottenere il diritto ad
amare un uomo o una donna o chi preferiscono senza che nessuno abbia a
che ridire.

Vorremmo fosse celebrata la resistenza di chi oppone al marcio delle speculazioni politiche sui nostri corpi la forza del sangue che lava via ogni cosa, come ogni mese.


La nostra resistenza
è una resistenza quotidiana. Il 25 aprile è il nostro giorno perchè anche per noi dovrà arrivare una Liberazione!

—>>>Dedicato a Marta, uccisa sul lavoro (in nero) per cinque euro all’ora. Dedicato anche a Francesca Rolla, morta qualche giorno fa, era staffetta par­ti­giana della Brigata Garibaldi “Gino Men­coni” di
Car­rara, l’ultima super­stite delle donne della Riv­olta di Piazza
delle Erbe del 7 luglio del 1944, quando le donne ‘car­rarine’ 
dis­sero  NO all’ordine di evac­uazione della città da parte dei tedeschi.

 

About liberetutte

Il Collettivo Femminista Sommosse Perugia nasce nel febbraio 2008 da un gruppo di donne e lesbiche che sentono sulla propria pelle la stretta familista clericale e sessista dell'ultima Italia. E' una storia di R-esistenze individuali e condivise alla violenza sistemica, verso la liberazione dei corpi e del desiderio!
This entry was posted in generale. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *