Riprendiamoci la notte, riprendiamoci la vita

foto di stefano dottori

Oggi 7 marzo 2008 come movimento di
donne autoconvocate e autorganizzate scendiamo in piazza di notte, per riprenderci
le strade, per riprenderci le piazze!

 Vogliamo rivendicare il nostro
legittimo bisogno e desiderio di vivere la città, sempre.

Vogliamo rivendicare la nostra
autodeterminazione in ogni momento e in ogni luogo, rivendicare la scelta di stili
di vita e comportamenti, affermare nuovi diritti di cittadinanza, contro la
precarietà del lavoro e per la libertà di circolazione dei corpi.

 

In una società in cui la mobilità
è diventata centrale per tutte e tutti (flussi di persone, merci, denaro e
informazione che attraversano tutto il globo), il controllo della nostra
mobilità diventa fondamentale per il potere neoliberista, che ci permette di circolare
solo fin tanto che produciamo o consumiamo.

 Ma noi rivendichiamo un altro tipo di città! Una città costruita dal
basso, dai percorsi della soggettività critica e femminista che mette in
discussione ogni luogo di potere! Una città dove ci sia posto per socialità
svincolata dal consumo, fuori dalle regole del mercato, dove la ricchezza degli
scambi e delle relazioni produca un’orizzontalità di pratiche e percorsi di
autogoverno. Dove poter circolare liberamente la notte e il giorno sia un
diritto di tutte e tuttie non un privilegio
.

Non una città che utilizza
strumentalmente le violenze sulle donne, come l’omicidio di Meredith, per
imporre politiche razziste e classiste (retate indiscriminate su migranti
clandestini, militarizzarizzazione del territorio, polizia e “certezza della
pena” invocata a più voci non solo da esponenti della destra, ma anche da rappresentanti
dei partiti della sinistra istituzionale). Non un luogo oscurato da politiche
securitarie che costruiscono e indirizzano la paura verso una presunta alterità
(sex workers, migranti, consumatori di sostanze stupefacenti, writers…) per
normare e disciplinare i comportamenti e i corpi. Non una città dove i corpi
sono continuamente monitorati, controllati dalla presenza di telecamere che
contribuiscono a rosicchiare, eliminare quello che fu uno “spazio di vita pubblico”.
E così che strumentalizzando la questione sicurezza si risponde ai bisogni
delle donne: con politiche liberticide.

Normare la vita, normare i corpi,
normare i corpi produttivi. Su questo piano biopolitico si pone lo scontro di
sesso, di razza e di classe oggi.

 E ancora una volta il corpo delle
donne, potenzialmente produttivo di vita è al centro di questo scontro. I
ripetuti attacco ai diritti delle donne riguardo a sessualità e maternità – legge
40, attacco alla 194, divieto della introduzione della Pillola abortiva RU486…-
sono parte di questo conflitto.

 Negare l’autodeterminazione delle donne ed
imporre d’autorità il modello tradizionale della famiglia eterosessuale e
patriarcale è d’interesse strategico per il potere biopolitico, che sta
sostituendo quello che rimane del vecchio welfare pubblico, con politiche
legate all’imposizione dei modelli familisti e politiche securitarie. Ed è per
questo che assistiamo oggi ad alleanza strategica tra politica istituzionale,
potere medico maschile e Vaticano, promotore quest’ultimo di un nuovo
fondamentalismo cattolico la cui ingerenza nelle scelte della nostra vita si fa
sempre più inquietantemente arrogante.

 Questa caccia alle streghe, questa vecchia
e sempre nuova alleanza, tra potere terrestre e potere “divino”, tra le
politiche neoliberiste e le forze reazionarie del Vaticano stanno lì ad
affermare che non c’è spazio per l’autodeterminazione delle donne in questo
paese, se non quello che sapranno costruire con le loro lotte e la loro
soggettività.

Politiche securitarie, famiglia patriarcale, moralità eterosessuale, controllo
degli sili di vita, insicurezza e precarietà nel lavoro: A questo ed ad altro la
soggettività delle donne, delle femministe e delle lesbiche saprà rispondere
con una dura e serrata lotta, ma anche con la forza, la creatività, la gioia
che ci viene da r/esistere.

 Ricostruiamo dalle lotte la nostra
città!!!!

 

TRA LA FESTA, IL RITO E IL SILENZIO SCEGLIAMO LA LOTTA

RIPRENDIAMOCI LA NOTTE RIPRENDIAMOCI LA VITA!

 

foto di stefano dottori

 donne autoconvocate perugia

vedi tutte le immagini della serata

About liberetutte

Il Collettivo Femminista Sommosse Perugia nasce nel febbraio 2008 da un gruppo di donne e lesbiche che sentono sulla propria pelle la stretta familista clericale e sessista dell'ultima Italia. E' una storia di R-esistenze individuali e condivise alla violenza sistemica, verso la liberazione dei corpi e del desiderio!
This entry was posted in generale. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *